Industria 4.0, la chiave dell’efficienza è nei “lavoratori connessi”




Le tecnologie digitali, con strumenti integrati per videoconferenze, chat, condivisione di immagini, lavagne digitali e realtà aumentata, possono essere fondamentali per portare l’innovazione in fabbrica e ridurre tempi e costi degli interventi di riparazione


Strumenti integrati per videoconferenze, chat, condivisione di immagini, lavagne digitali e realtà aumentata: sono gli strumenti mobili avanzati di collaborazione e condivisione dei dati che possono cambiare radicalmente il modo di affrontare i problemi all’interno delle fabbriche, riducendo i tempi – e quindi i costi – delle interruzioni di produzione non programmate.

Quando si verifica un guasto in fabbrica, ogni secondo impiegato a rispondere e correggere ciò che è andato male può arrivare a costare miliardi di dollari l’anno in termini di mancata produttività. Le interruzioni di produzione non pianificate arrivano a costare 20mila dollari al minuto o anche più. E per ridurre al minimo questi danni l’uomo, nel quadro di Industria 4.0, ha il ruolo centrale di “abilitatore”, che sia in grado di intervenire sulle macchine utilizzando i dati che le stesse macchine mettono a disposizione ma che hanno bisogno di essere integrati e analizzati. Le fabbriche del futuro non potrebbero infatti vedere la luce senza contare sulle conoscenze e sulle abilità delle persone.

10 visualizzazioni

Associazione Artigiani 4.0

via Valosa di Sopra 26

20900 Monza, tel:02.36102314 [disponibile a breve]

C.F. 94637030159

associazioneartigiani4.0@gmail.com 

associazioneartigiani4.0@pec.it 

smiles.jpg

Puoi scrivere o inviare un audio, sarai ricontattato 351.2878926

  • c-facebook